Dusan, Viola e la Vecchia Signora

di Duccio Magnelli

Come tutte le telenovelas, anche “Dusan e Viola” è arrivata ai titoli di coda. La speranza che potesse trascinarsi ancora per qualche puntata, come auspicavano molti, non è andata a buon fine. Si chiude qui e non ci saranno altri sequel. Almeno a Firenze. Quello intitolato “Dusan e la Vecchia Signora” verrà girato da un’altra parte.

Il finale della storia ci dice che qualcuno felice e contento c’è. Il giocatore perché va, evidentemente, dove lo porta il cuore, non il portafoglio perché i soldi che prende a Torino li avrebbe guadagnati anche da altre parti. La società bianconera, a cui urgeva un attaccante di peso per provare a scalare la Champions e il campionato (anche se ci sono altri buchi nella rosa di Allegri non facilmente riempibili) e, in fondo, anche la società viola che, considerando impossibile far restare il giocatore, ha pensato bene di fare l’affare. Naturalmente, ci sono anche gli scontenti. Prima di tutto Vincenzo Italiano che non crediamo abbia fatto salti di gioia. Anche perché ritrovarsi il 25 gennaio senza il centravanti titolare non è cosa che può far felice un allenatore. La speranza è che i sostituti, uno è già a Firenze l’altro dovrebbe arrivare, facciano bene. Ma essendo solo una speranza, qualche piccolo timore c’è. Insomma, se con il serbo il tecnico viola dormiva abbastanza tranquillo, adesso qualche risveglio improvviso saltando sul letto sarà, purtroppo, da prevedere. E anche i tifosi viola, perfino quelli che volevano Vlahovic in tribuna sino al 2023, non saranno felici. Pur strofinandosi le mani pensando al trattamento da riservare al giocatore quando arriverà a Firenze (la sfortuna di Vlahovic. Il ritorno al Franchi. Forse prima di andare a Torino era meglio guardare il calendario).

La realtà dei fatti, e non della telenovelas, quella che poi il campo potrebbe smentire (e per il bene della Viola ce lo auguriamo di tutto cuore), ci dice che la Fiorentina ha rafforzato una sua diretta concorrente in classifica e si è indebolita. E ci dice che, nonostante la quantità stratosferica di soldi, trovare un sostituto non sarà semplice, almeno a gennaio. Si parla di Cabral, brasiliano emigrato in Svizzera (il passaggio dal campionato elvetico a quello nostrano potrebbe riservare qualche problema di ambientamento). Qualcuno ha avanzato l’ipotesi Icardi, che il PSG potrebbe anche dare in prestito. Ma a parte che dubitiamo molto della adeguatezza dell’ex interista al gioco di Italiano, ci sarebbe il problema Vanda Nara da gestire. Probabilmente l’ipotesi migliore potrebbe essere quella di andare a Sassuolo con 70 milioni di euro e farsi dare Scamacca e Raspadori. Difficile che a una cifra del genere qualcuno possa dire di no.

Insomma, la situazione è parecchio ingarbugliata. A Firenze non si sa se ridere o piangere. L’impressione è di averla presa in tasca un’altra volta. La speranza è che sia solo un’impressione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: