Il Bar della Guerrina

Maria Cristina Calamai ci parla di un luogo noto a tutti….Un’attività storica del Campo di Marte.

IL BAR DELLA “GUERRINA”

Oggi si chiama “Il The Green Store” ma per tutti noi è stato e sempre resterà “Il bar della Guerrina”

E’ ancora lì, in quell’angolo fra Viale Malta da una parte e viale Manfredo Fanti dall’altra, angolo che già ai tempi di Firenze capitale, era affollato da coloro che volevano seguire “Le piccole guerre” ( guerrine) che la fanteria e l’artiglieria simulavano al Campo di Marte. Le prime foto del bar risalgono al 1925 allora gestito dalla sig.ra Guerrina Ulivelli.

Il bar della Guerrina, però, è indissolubilmente legato ad un altro nome: Carlino Piccardi mitico calciatore della Fiorentina che dal 1937 al 1947 militò proprio nella nostra squadra. “ Spazzarotaie” lo chiamavano perché quando arrivava lui faceva il vuoto intorno, un terzino che non faceva molti complimenti. Fu Capitano della squadra e con la maglia viola vinse anche una Coppa Italia.

Ebbene, questo signore, una volta appese le scarpe al chiodo, anziché seguire le orme della maggioranza dei calciatori, non volle diventare allenatore ma… acquistò il “ Bar della Guerrina”. Ben presto, il primo bar del quartiere, divenne il ritrovo di molti sportivi, non neecessariamente tifosi, sportivi.

Bisogna ricordare che il bar ospitava al suo interno anche una sala biliardo e che per i moltissimi appassionati di questo gioco ( niente affatto facile) si organizzavano tornei ai quali partecipavano grandi campioni non solo fiorentini.

Io ho sempre sentito parlare di questo mitico bar del Campo di Marte perché mio padre, appassionato di biliardo, partecipava a quei tornei. Non io ma mia sorella, ricorda ancora quando lo seguiva volendo portare ella stessa la stecca e tutta l’attrezzatura necessaria: proteggi cuoio, raschietto: per pulire e rimodellare il cuoietto, gessi, temperino per limare e riportare alla forma che si desidera il cuoietto sul puntale, insomma una assistente personale. Pare fosse bravino mio padre tanto da aver vinto più di un torneo. “ Dove vai babbo?” “ Dalla Guerrina” rispondeva e lì lo potevi trovare o in sala biliardo o fuori seduto al tavolino protetto dalle lunghe tende parasole, a conversare con i tanti amici calciatori ed ex calciatori viola e non solo. La “Guerrina” non era un bar, era “Il bar” un luogo indissolubilmente legato al Campo di Marte attraverso il quale si intreccia la storia stessa del quartiere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: