Nonna Ada

Una nostra lettrice ci invia questo ricordo del Campo di Marte ricco di emozioni. Una poesia che ci interroga sul tempo e sul valore degli affetti.

Quei viali sempre uguali da allora, stretta al braccio della nonna uscendo da scuola, ed era primavera.

Andavamo per strade sassose e il mio sguardo aspettava un suo sguardo felice al suo fianco, mentre intorno era primavera e andavamo per i campi e le corse nell’erba.

Poi la merenda sempre uguale e ogni giorno diversa e lo sguardo della nonna sulle mie corse sfrenate. Ho corso, ho corso tanto e il tempo ha corso con me. Ma oggi che son passati tanti anni ho vinto il tempo, passando con passi uguali tra viali e siepi, due passi soltanto ma le ombre camminavano accanto, poi le ho viste,una bimba e una nonna.

Son passati tanti anni, è ancora primavera ma il cuore invecchia presto e non si può fermare il tempo, ma le ombre mi son sempre davanti. Una bimba e una nonna, non invecchiano mai, continuano a passeggiare sotto braccio per strade sassose tra alberi e siepi andando nei campi, è sempre primavera e ho tanta voglia di piangere.

Cristina Roscilde

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: