Fiorentina-Empoli, il commento al derby dell’Arno

Ritorno alla vittoria per la squadra di Pioli che dopo l’iniziale svantaggio ne segna tre.

Più con il cuore che col gioco, ma la Fiorentina vince. Partita sofferta, faticosa, cominciata male, con la mannaia del gol dell’Empoli, e con nubi nerissime che sembravano addensarsi sul cielo gelido del Franchi. Un altro pareggio, o peggio ancora, una sconfitta, avrebbero gettato tutti nello sconforto e avrebbero aperto le porte di una crisi dagli esiti imprevedibili. Fortuna che Mirallas e Simeone, messi in campo come previsto dal primo minuto, ripetono la prestazione fatta con il Sassuolo, segnano un gol ciascuno e, con ogni probabilità, mettono definitivamente in soffitta Pjaca (con tanti saluti al sogno estivo denominato trio delle meraviglie). La giornata si completa con la bella rete di Dabo, uno non certo in grande sintonia con la porta avversaria, per un 3 a 1 che ridà ossigeno alle speranze della Viola. Tra l’altro, questa partita, giocata con buona determinazione, zittisce tutti coloro, e cominciavano a non essere pochi, che parlavano di un possibile ammutinamento della squadra contro l’allenatore. Pioli, secondo noi, non è mai stato in pericolo. Altrimenti, per esempio, perché metterci tanta rabbia per pareggiare con il Sassuolo una gara già persa?

Visto l’andamento della partita e il risultato finale, non ci sentiamo di bocciare nessuno. Benino Norgaard, praticamente all’esordio. A noi è piaciuto Mirallas, e non solo per il gol. Bene anche Simeone (in veste di assist-man e non solo di goleador) e Chiesa, che però dovrà decidersi a sparacchiare meno verso la porta palloni impossibili da distanze siderali (non è lesa maestà ma uno bravo come lui deve farsi meno trascinare dalla foga). Ma la risposta di tutti quelli andati in campo è stata adeguata a una partita in cui la vittoria era l’unico risultato accettabile. Non che tutti i problemi siano risolti ma la squadra va sicuramente a Milano per il turno pre-natalizio con l’animo meno in tumulto e con la mente più sgombra.

Duccio Magnelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: