Aspettando gennaio

Come capita ormai da diverse stagioni, a questo punto del campionato i tifosi viola cominciano speranzosi a guardare al futuro. A gennaio, il mese del cosiddetto mercato di riparazione, quello in cui molte società di calcio tentano di riparare gli errori, e gli orrori, fatti in estate. Sgombriamo subito il campo dagli equivoci: nel mercato invernale non si ripara nulla. Al massimo è possibile rimpolpare la rosa, niente di più. Questo perché nessuno vende i buoni giocatori a metà stagione. Quindi, è bene non farsi grandi illusioni. Anche perché, da quello che si legge in giro, sembra che la Viola prima debba liberarsi di qualche esubero dall’ingaggio troppo oneroso, tipo Thereau o Maxi Oliveira, per poi provare a prendere qualcosa, magari in “prestito” (parola che i fiorentini da quest’anno, però, detestano). Ma se qualcuno dei lettori di questo blog fosse proprietario di una squadra di calcio, comprerebbe uno dei due suddetti giocatori, o magari entrambi anche scontati? Considerando che, per esempio, Thereau ha un ingaggio di 700.000 euro che scade alla fine della prossima stagione? Adesso si capisce perché è bene non farsi grosse illusioni. La squadra è questa e difficilmente cambierà. Pioli dovrà, probabilmente, trovare la quadra provando, per esempio, il misterioso Norgaard regista e spostare Veretout più avanti oppure mettendo Gerson esterno, provando la ormai mitica difesa a tre. Vabbè, niente di particolarmente eccitante, siamo d’accordo. Però sempre più intrigante dei nomi che leggiamo sui giornali come possibili nuovi arrivi. Tipo Babel, attaccante olandese, ex di tante (troppe?) squadre, fra cui Ajax e Liverpool, giocatore che, secondo qualcuno, potrebbe fare il “secondo” a Simeone, ma che però ha nella scarsa prolificità, intesa come numero di gol segnati, il suo tallone d’Achille. E per un attaccante non è poco (e poi, ha 32 anni).

Restiamo dell’idea che comprare per comprare, o per far vedere che si è comprato, serve a poco. Tanto vale tenersi questi. Anche perché per l’obbiettivo settimo posto possono anche bastare.

Duccio Magnelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: